A circa venti chilometri dal piccolo comune di Molise si trova Bojano, un centro abitato nella parte pianeggiante che si stende ai piedi del Matese, dalle cui falde sgorgano copiose e fresche le acque che generano il fiume Biferno. Di particolare interesse il vecchio borgo del paese, costituito da un gruppo di casette ai piedi del castello, che sovrasta l’attuale città, fornendo un suggestivo paesaggio e un’atmosfera d’altri tempi.
Poco lontano da Bojano si può giungere a Sepino, ormai conosciuta per il suo valore storico-culturale, oggetto di interessanti studi per i reperti archeologici presenti nel paese, che testimoniano le attività nell’epoca preistorica e nel periodo medievale; nel III secolo a. C. Sepino era una delle città più importanti del Sannio Pentro e di quest’antico splendore rimangono i resti delle attività artigiane e culturali, di cui antichi elementi di particolare valore sono la cinta muraria, il teatro, il tempio, le terme e la necropoli.
Da Sepino si può giungere a Tufara, le cui origini sono riconducibili all’epoca longobarda, come si può ipotizzare dai resti del castello, con la sua poderosa costruzione edificata su un dosso tufaceo. Di notevole interesse è anche la Chiesa di San Pietro e Paolo, realizzata nel 1770 e più volte ristrutturata.

 

torna all'inizio del contenuto